Ecobilancio Adac, premiata la Panda a metano: “Inquina meno di alcune elettriche”

Ecobilancio Adac, premiata la Panda a metano: “Inquina meno di alcune elettriche”

Ecobilancio Adac, premiata la Panda a metano: “Inquina meno di alcune elettriche”

In Italia non è nemmeno fra le auto che beneficiano dell’incentivo governativo, ma in Germania, almeno secondo le analisi Ecotest dell’Adac (l’Automobil Club di Germania, 20 milioni di soci), la Fiat Panda Natural Power è tra i modelli più “puliti” in assoluto. La citycar a benzina e metano (con il bicilindrico Twin Air da 0,9 litri e 80 cavalli) è addirittura il primo fra quelli equipaggiati con un motore a combustione, malgrado sia omologato “solo” Euro 6b. E tra l’altro precede diversi modelli elettrici, come la esclusiva Jaguar I-Pace.

Nel corso del 2018, l’Adac ha peso in esame 108 vetture e la classifica sulla loro sostenibilità ambientale va ben oltre il mero dato sulle emissioni, anche calcolato con i propri sistemi. La graduatoria, in testa alla quale compaiono cinque auto elettriche, tutte tedesche, considera non solo i consumi omologati, ma anche quelli rilevati su strada nonché le emissioni di CO2 (comprese quelle della produzione), del monossido di carbonio (CO), degli ossidi di azoto (NOx), degli idrocarburi (HC) e del particolato. L’attualità va raccontata. Aiutaci a farlo sempre meglio

L’analisi dell’Adac rivela come non sempre le unità Euro 6d-Temp siano le più razionali considerando tutti i parametri. E, infatti, appena 7 modelli hanno ottenuto le 5 stelle. Con 100 punti la Volkswagen e-Golf da 136 CV è risultata l’auto più eco-friendly seguita dalla VW e-up! (82 CV). Sul podio sono salite anche la Bmw i3 da 184 CV e la smart fortwo coupé EQ (82 CV) che si sono fermate a quota 98 a una lunghezza dalla citycar. La Hyundai Kona con la batteria da 64 kWh si è fermata a 96. Poi la Panda bifuel a metano con 91, gli stessi punti dell’elettrica Nissan Leaf.

Dall’ottavo fino al 37° posto, l’Adac assegna solo quattro stelle ambientali. La prima vettura di questa fascia è la Toyota Yaris 1.5 hybrid con 89 punti, uno in più rispetto alla Hyundai Nexo, cioè il suv a celle combustibile: l’idrogeno è penalizzato dalle emissioni di anidride carbonica. La prima Tesla, la Model X 100D, compare all’undicesimo posto (87 punti), comunque davanti alla Jaguar I-Pace EV400 Awd (15°), che ottiene lo stesso punteggio del primo modello a gasolio, la Kia Ceed 1.6 CRDi da 136 CV.

In fondo alla classifica l’Adac non riconosce alcuna stella a cinque macchine: alla Chevrolet Camaro Coupé col motore V8 da 6.2 litri, che ottiene 27 punti, alla Jeep Compass 1.4 MultiAir da 140 CV (22), alla Fiat 500X con lo stesso motore a trazione anteriore e con lo Start&Stop (17), alla Kia Sorento col CRDi da 2.2 litri col cambio automatico e alla Ssangyong Rexton col 2.2 litri a gasolio, entrambe a 0 punti.

L’ecobilancio dell’Adac dà due indicazioni. La prima è che fidarsi dei dati ufficiali è bene, ma controllare è meglio. E la seconda, in linea con i pareri di molti esperti ed anche con la posizione dei costruttori domestici, è che i nuovi diesel sono tanto raffinati ed evoluti da assicurare “valori esemplari” di emissioni inquinanti.

Fonte lastampa.it

Comments are closed