Le auto elettriche sono troppo care? La Citroën C-Zero può costare solo 6.890 euro

Le auto elettriche sono troppo care? La Citroën C-Zero può costare solo 6.890 euro

Grazie agli incentivi statali e regionali, e agli sconti messi in campo dalle case costruttrici, ci sono ottime occasioni, come la compatta francese

Uno degli argomenti spesso trattati dai detrattori della mobilità elettrica è il prezzo (elevato) delle vetture elettriche. Non c’è alcun dubbio che le auto elettriche abbiano costi superiori alle pari segmento endotermiche, ma è altrettanto vero che la maggiore economicità di gestione permetta sul medio/lungo termine di recuperare parte di questi costi. C’è poi il capitolo incentivi, che può essere determinante per attirare potenziali clienti desiderosi di passare all’elettrico ma frenati dai listini troppo cari.

Un caso eclatante in questo senso è la Citroën C-Zero, utilitaria elettrica presente da anni sul mercato, costruita su base Mitsubishi iMiev e con una gemella, sempre francese, la Peugeot iON. Anche la C-Zero ha sofferto a lungo del caro prezzi, nonostante sia un’elettrica “della prima generazione”, fino a che Citroën non ha deciso di spingere le vendite con una interessante promozione.

Il prezzo di listino di 30.890 euro viene scontato dalla casa di ben 12.000 euro, portandolo quindi a 18.890 euro. Decisamente meglio, ma sempre di molto al di sopra di auto simili a benzina, diesel o metano. Ecco che quindi entrano in gioco gli incentivi statali, che con il bonus di 6.000 euro (in caso di rottamazione di vecchio veicolo) farebbero calare il prezzo a 12.890 euro. Già a questo livello le cose potrebbero iniziare a farsi interessanti.

Ma non è finita, poiché alcune regioni italiane hanno proposto incentivi indipendenti, a favore dei cittadini residenti in tali regioni. È il caso ad esempio dell’Emilia-Romagna, che mette in campo ulteriori 3.000 euro per i suoi cittadini che vogliano passare all’elettrico (con ISEE entro i 35.000 euro). In questo caso la nostra C-Zero costerebbe 9.890 euro. Fa un poco meglio il Friuli Venezia Giulia, dove il prezzo calerebbe a 7.890 euro, grazie agli incentivi regionali di 5.000 euro. La situazione migliore si avrebbe nella Provincia di Trento, dove i 6.000 euro offerti per le auto elettriche abbasserebbero il costo di Citroën C-Zero a soli 6.890 euro. Un prezzo che la mette alla pari – se non in vantaggio – rispetto ad altre utilitarie a carburante.

In mezzo a questi esempi che abbiamo fatto, ce ne sono altri, come il caso in cui non si possieda un’auto da rottamare, con l’incentivo statale che scende a 4.000 euro, e di conseguenza il prezzo dell’auto sale di 2.000 euro. C’è altresì da considerare che il Governo non ha ancora emanato il Decreto Attuativo per gli incentivi, e non si è quindi espresso sulla cumulabilità di sovvenzioni statali e locali, anche se la maggior parte degli addetti ai lavori sembra concorde sul fatto che non ci saranno limitazioni in questo senso.

La Citroën C-Zero, per chi non la conoscesse, ha una batteria con chimica molto longeva, da 14.5 kwh, capace di circa 100-150 km di autonomia a seconda dei tragitti, con velocità massima di 130 km/h. Gli interni sono semplici e essenziali e il vano di carico è discreto, rapportato ovviamente al segmento. In molte regioni il bollo non si paga per cinque anni, per poi passare ad una frazione dell’equivalente termico, in altre invece non si paga a vita. Molte città offrono la sosta gratuita su strisce blu e gialle, oltre all’ingresso in ZTL. Le assicurazioni poi hanno spesso tariffe dedicate con corposi sconti e la ricarica può anche essere effettuata presso i centri commerciali, gratuitamente, mentre si fa la spesa. Insomma, passare all’elettrico non è mai stato così conveniente.

fonte:dmove.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *